ESPRESSIONI

lancio della penna

Un work in progress di espressioni varie, raccolte dal 1991


massimo franceschini blog

5 giugno 2021


E LO SCHERMO SI RIEMPÌ

E lo schermo si riempì
di uomini che si agitavano
ridevano
mostravano abilità
da case confortevoli

Ancora non capivano
la metamorfosi
in celle di lusso
ormai già precarie

Il 2020
non lo dimenticheranno mai
il ’21
inizierà
il reset globale
ci darà la misura
dell’ipocrisia tecnica
dell’asservimento
o del coraggio

Qui la versione per YouTube

31 dicembre 2020


Alcune espressioni da una chat di scrittura creativa a cui ho partecipato per un po’:

– non ricordo esattamente il tema, forse costruire qualcosa da una mela:
Se al posto di Adamo il buon Dio avesse messo Guglielmo Tell, per forza non ancora così bravo, avremmo forse una mela in più ma… (da completare a piacimento!)

———-

– questa mi sembra invitasse a scrivere qualcosa su una parte del nostro corpo:

Ah! Dice che sono “etrusco”!… non gli piaccio!! Ed io l’ho sempre ringraziato rompendogli le balle, quante migliaia di fazzoletti! La notte poi vado solo a mezzo servizio, una parte la chiudo per riaprirla la mattina. Una guerra che dura da tanti anni… mi accetterà prima o poi!

Qui la versione per YouTube 

———-

– qui si doveva commentare un quadro impressionista, Monet:La visione dell’opera mi procura un senso di profonda invidia per la mano dell’artista: deve essere un genio per mantenere l’incredibile coerenza dell’oggetto rappresentato nonostante il suo Parkinson…

———-

– non ricordo bene il tema, forse si doveva scrivere sul tradimento:
Quella mattina si era svegliato presto, dopo una notte agitata, con ancora in mente le immagini scattate da Mario di lei che amoreggiava con uno sconosciuto. Aveva fatto presto la stronza. Il lupo perde il pelo ma… alla faccia del periodo di riflessione! E lui che due giorni prima si era mostrato reticente alla piacente signora dallo sguardo ammiccante… 

———-

– qui proprio non ricordo il tema:
Finalmente un segnale di risveglio dalla catatonia, pensò la psicologa guardando il disegno che la bambina aveva fatto quasi in trance, tremando. Rimaneva da capire chi avesse acceso l’incendio che aveva sterminato la sua famiglia, fermato nel disegno al suo inizio, e come mai lei, unica sopravvissuta, fu trovata in cortile abbracciata al cane che guaiva disperato. 

———-

– visti i puntini iniziali, probabilmente si trattava di completare una frase, forse su qualche buon proponimento:
… di non cercare guai, in nessun modo, perché la vita sarebbe stata già dura del suo. Crescendo aveva cercato di contravvenire in ogni modo a quel comandamento, era arrivata a bere, a drogarsi ma l’uccisione di quel verme del suo capo era forse un passo eccessivo di “liberazione”… anche se ancora nessuno l’aveva scoperta. 

———-

– mi sembra che qui si dovesse ricordare un momento particolare relativo all’ambito affettivo:
Un piccolissimo “ti amo”, sussurrato, anche se mi penetra più di un grido, una goccia nel mare degli eventi, dei problemi, dei desideri, una conferma che la ricerca non è stata vana, che ora “siamo”. 

———-

– qui proprio non ricordo il tema, forse ha a che fare con il Natale, visto che era dicembre, oppure descrivere l’eccitazione per le belle bariste… :
È un’ora che sono in piedi, ancora sdraiato nei miei pensieri, il diluvio non promette pausa. Devo comunque uscire, le abitudini non sentono ragioni. L’umore del giornalaio è adeguato all’umidità, gli insulti al governo coprono la mitraglia sull’ombrello… finalmente un motivo per sorridere, mentre aggiungo volentieri auguri di malanni, forche e manette… è Natale, siamo di manica larga! Il bar è strapieno ma i nostri occhi trovano comunque la strada, il caffè di Giulia è dolcissimo… 

———-

– qui mi sembra si dovesse descrivere il viso di una persona cara:
A prima vista il soggetto caucasico presenta lineamenti regolari e una corretta proporzione dei componenti. La grandezza degli occhi si confà al resto e la reciproca distanza rientra nella norma, il colore fa pendant con la capigliatura, corta e variamente direzionata. Orecchie proporzionate al resto degli elementi, non sporgenti oltre la norma. Pelle non particolarmente chiara, però illuminata da uno splendido sorriso che accende tutti gli elementi… soprattutto quando mi guarda con amore. 

———-

– qui proprio non ricordo, anche se non mi sembra si trattasse di progettare un crimine, forse parlare di un rumore che ci sveglia al mattino; anche qui ho immesso un contenuto pulp, per bilanciare un po’ la frequente tendenza della chat al “Libro Cuore”:
Il puntuale e disperato litigio della giovane coppia di inquilini, scandito dai pesanti ceffoni sul dolce viso di lei, sanciva l’ennesimo traumatico risveglio. Erano mesi che Joe sopportava in silenzio, da quando senza lavoro era costretto ad assaporare la vita del vicinato, illudendosi inutilmente che prima o poi sarebbe comunque riuscito a godersi fino all’ultima voglia di Morfeo. Il ricordo della chiave inglese gettata nella scarpata a notte fonda, dopo aver lavorato sulle ruote del manesco, lo mise subito di buon umore. Joe era convinto che da oggi la vita della bella inquilina sarebbe cambiata, ed anche la sua. La strada per la città era così ripida e lunga… 

———-

– qui mi sembra si trattasse di descrivere la decade appena conclusa:
In fuga da stolti, villici e marrani, solo e ramingo compivo i miei piani.
A mezza via lo ligure amore, dall’Umbria mi reca al cospetto de lo mare.
Al fin di decade scampo al trapasso, ultimo pegno a cotanto sconquasso.

dicembre 2019


Cosa dirti Donna
di non già detto
meraviglia
squallore
speranza
preghiera

ti prego guardami
spero tu sappia
non siamo tutti uguali
spero tu veda
meglio di me il futuro
spero tu senta
lo stupore di guardarti

8 marzo 2015


Dal primo giorno
che hai gridato e colorato
dal primo giorno
che ti hanno sentito
hai voluto parlare
sempre e comunque

Forse lo sai
ma forse non sai quanto
vivi d’arte

settembre 2001, un motto scritto a Milano nei giorni dell’attacco alle torri gemelle


Quando una carezza
vorrà dire ti amo
quando un bacio
sarà all’inizio o alla fine del giorno
quando una notte d’amore
lascerà il sorriso negli amanti
il mondo avrà un futuro migliore

La gioia di amare
potrebbe essere
la nuova gravitazione universale

giugno 2000 (andrà poi nel primo libro)


Lo spirito
non è una quantità
e l’amore
è la sua qualità
più alta e generosa

anno 2000, ma il ricordo non fornisce altro


L’amore che hai
è quello che vedi
l’amore che puoi vedere
è quello che senti
l’amore che puoi sentire
è quello che sei disposto a dare

13 agosto 1999


Ricordi ancora
quando vedesti il mio sguardo
uno dei pochi sai
che non persi
uno di quelli
che seppe guardare

Perciò
non chiedere mai
perché voglio vederti
lascia che il cuore
dia la sua risposta
sia una sfida
od un sorriso

19 marzo 1993


Nella vita
hai quello che dai
perciò
usa gentilezza
anche quando sembra strano

Gentilezza
non fa rima con debolezza

28 giugno 1992


Certe notti
gli oscuri presagi
alzano un vento
pregno di sudore

Certe notti
sulle crespe di un lago
aleggia il mistero
di visioni riflesse
nel sospiro di luna

2 aprile 1992


Spade
cariche di gloria
giacciono inermi
nella segreta oscura
di una torre merlata
una luce si intrufola indiscreta
e dal metallo
echeggia uno scarno bagliore
che apre in me antichi furori
per donne bramate
e feroci battaglie
al nemico di turno
che ora
non vedo più

31 gennaio 1992


A Luca, amico e poeta scavezzacollo:

Tetri pensieri
di immonde carezze
saettano come folgori
nelle solide menti
dell’agglomerato monastico femminile
stancamente salmodiante
al passaggio di quel giovine corpo
intento a soddisfare
le vili esigenze
delle sue ghiandole sudorifere

Io
che seguivo
assorto in oscuri dilemmi
levo il mio canto gioioso
a coprire il fragore
della giustizia divina
miracolosamente apparsa
nelle vesti di quel vecchio campanile
che perentoriamente si adagia
su quei fuggenti sai

Colgo felice un velo
da sotto il masso
e con esso mi soffio il naso
in mistico rapimento

5 gennaio 1992


Orsù eroi
giunto è il tempo
di riprender le spade
accendere i cuori
e nutrir le speranze

Orsù eroi
torniamo all’azione
non v’è più tempo per il dolore
e per falsi piaceri

Orsù eroi
gettiamo il fardello
siam pronti a ritrovare
la memoria e la forza

Orsù eroi
che gloria ci attende
libertà sarà il premio
e la morte
un comico ricordo

28 dicembre 1991


fonte immagine: Wiki

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *