LA PERDITA DEI DIRITTI UMANI: CAUSE, CONSEGUENZE, PROSPETTIVE DI SOPRAVVIVENZA

massimo franceschini blog

Qui il video dell’articolo

Riflessione sulla morte dei diritti e sulle ipotesi di sopravvivenza

Articolo pubblicato anche su Attivismo.info e Sfero

Il precipitare di gran parte dell’umanità nello scientificamente ingiustificato, ma sapientemente promosso terrore pandemico, è il segno inequivocabile e definitivo di quanto sia profonda la crisi culturale, sociale, civile, politica e spirituale della nostra epoca.

Dimentichi della storia, poveri di filosofia, ignari del diritto, abbacinati dal “fulgore” di una “scienza” deificata ed eletta a regola suprema, ma comprensibile solo come interesse industriale e oligarchico privato, la maggior parte degli uomini e delle donne sono “riusciti” a non vedere le enormi contraddizioni in quanto accaduto negli ultimi due anni.

Solo una minoranza di noi, certamente non esigua, sembra disposta ad interpretare diversamente la realtà, a non giustificare gli innumerevoli crimini commessi contro uomini, donne, bambini, sani e malati, consapevoli che il mondo si sta avvicinando ad un punto di non ritorno.

La devastazione civile e culturale dell’aggregazione umana nei paesi che si ritengono moderni e “progressisti”, impone una definitiva riflessione sulle mancanze della civiltà e della politica Occidentali.

Se è vero, come è vero, che la prima questione politica riguarda la sovranità –  più precisamente la sua natura, legittimazione e modi di chi la esercita – non possiamo non mettere l’attenzione sui fondamentali squilibri e contraddizioni presenti in questo ambito, proprio nelle cosiddette “democrazie liberali”.

In estrema sintesi, credo si possa decisamente individuare un primo enorme problema: il fatto che le democrazie liberali scontino un enorme disallineamento fra i loro principi valoriali e operativi, dati nelle Costituzioni, e le reali prassi politico-istituzionali, interne ed esterne.

Tale discrasia è sistematicamente provocata e alimentata dall’occupazione corporativa di quasi ogni ambito generante scienza, arte e cultura, e da un  racconto mediatico capace di formare, data la sua potenza, il pensiero e la visione unica dominante.

La risultante di questa occupazione sembra essere, chiaramente un futuro distopico di controllo tecnocratico globale.

Questi problemi, e tutta la cascata di effetti in ogni ambito civile, hanno da troppo tempo generato popoli “disattenti” ai loro diritti, allo stesso Stato di diritto, spesso addirittura indicato come la fonte di tutti i problemi.

Tutto ciò si rispecchia in una cultura che non sembra riconoscere più gli stessi diritti universali che dovrebbero caratterizzarla, se non a livello di “istintivo” libertarismo, e che addirittura pretende di aggiornare secondo una visione sempre più “consumistica”, “edonistica” e “personalizzata”, assai lontana dai 30 punti della Dichiarazione Universale: ogni riferimento all’ideologia gender e alla distruzione liquida dell’identità è puramente voluto.

E siamo così al divide et impera, comune a tutte le dittature, in cui una consistente parte del popolo, “reclutato” come collaborazionista, reclama l’esclusività di diritti da negare ai “nemici” di turno della “sicurezza” pubblica, nella nuova era digital-secur-sanitaria stile cinese.

Ecco in breve, la sintesi del disastro civile dato dalla sostanziale rimozione dei diritti umani mai veramente entrati, se non a livello di sola retorica, nella prassi politico-giuridica come valori cui orientare ogni ambito politico e decisionale, persino culturale.

Le ideologie, le appartenenze, i mondi destra/sinistra non li hanno mai accettati veramente: da una parte troppo “destrorsi”, dall’altra troppo “sinistrorsi”.

La destra si sarebbe vista sfilare da sotto il naso la prerogativa “ordine & sicurezza”: quali “nemici” se tutti gli uomini avevano pari dignità e responsabilità?

La sinistra si vedeva superata nei diritti civili e da una “giustizia sociale” che apparteneva alla natura umana, non frutto di avventurose “lotte di classe”.

I diritti umani scontano quindi, da sempre, quella che potrebbe apparire come una strana “abrogazione” pubblica, quasi fossero in anticipo sui tempi storici di un’umanità ancora troppo divisa e frastornata per assumerli senza riserve, in piena comprensione.

Con la “tecnocrazia sanitaria” e la “bollinatura” stile green pass siamo quindi a un bivio, non solo per il tipo di regime, ma anche per la sopravvivenza dei nuovi discriminati.

Se quanto da me scritto non troverà costruzione, se le spire del “securitarismo” arriveranno a chiedere il marchio per esercitare il suffragio, così non più universale, saremo definitivamente fuori dalla politica e dallo Stato di diritto.

Dovremo quindi provare a costruire le nostre “Comunità dei Diritti Umani”, le ultime “riserve indiane” in cui preservare dignità, libertà, arte e cultura per mostrare agli altri, se ne saremo capaci, come si può vivere pienamente all’insegna di quei valori che le oligarchie vogliono cancellare dalla storia con l’aiuto estorto dei più.

Ciò richiederà arguzia, progettualità, organizzazione, l’aiuto di giuristi, intellettuali, del mondo libero e di nuovi militanti, perché il sistema avrà sempre paura dei nostri “virus” culturali e civili.

Sarà un guado durissimo, ma non abbiamo fatto abbastanza per evitarlo.

18 agosto 2021

fonte immagine: Pixabay

2 pensieri riguardo “LA PERDITA DEI DIRITTI UMANI: CAUSE, CONSEGUENZE, PROSPETTIVE DI SOPRAVVIVENZA”

  1. Per raggiungere lo scopo, occorre privare i criminali del pensiero unico della benzina che li alimenta, cioè la moneta debito privata sottratta agli Stati.La partita é politica infatti si parla di politica monetaria. Per legge va stabilità di proprietà dei cittadini. Va emessa per raggiungere la piena occupazione e la produzione di beni utili alla collettività come prevede la Costituzione. Inizialmente basterebbe una moneta parallela all’euro ad uso interno e poi dare scacco matto alla moneta privata gravata dall’usura del debito Statale a favore della grande bolla speculativa della finanza criminale. Al che si potrebbero fare rispettare i diritti umani.

    1. Ciao caro, grazie del tuo intervento. Ciò che dici sarebbe nel normale andamento delle cose, se avessimo la possibilità di creare un soggetto politico sovranista che abbia come obiettivo dichiarato quello di ripristinare lo Stato di diritto, come descrivo nel mio libro:
      https://www.ibs.it/per-partito-unitario-di-liberazione-libro-massimo-franceschini/e/9791220319645
      Per giungere a ciò ho anche proposto un percorso ben preciso in questo articolo: https://www.massimofranceschiniblog.it/2021/06/12/regalo-il-mio-libro-alleventuale-comitato-promotore/
      Purtroppo tutti i soggetti politici e le associazioni sinora interpellate in tal senso sembrano impegnate in altre faccende, apparentemente del tutto inconsapevoli del momento esiziale per il Paese.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *