L’UOMO STA PERDENDO LA RESPONSABILITÀ DI SE STESSO E DI TUTTO IL RESTO

massimo franceschini blog

Abbagliato dai miraggi della tecnica regala alla tecnocrazia dello spettacolo ogni vana speranza di comprensione.

Qui il video dell’articolo, in cui faccio anche altre considerazioni

Di Massimo Franceschini

Pubblicato anche su Attivismo.info, Sfero e Ovidio Network

 

La visione del film Oppenheimer, le relative ricerche sulle questioni evocate dal film, l’articolo che ho scritto in merito, insieme a varie conversazioni intessute con amici, mi porta a condividere alcune riflessioni di ordine generale.

La storia del pensiero nella modernità ci dice che l’uomo ha definitivamente ceduto alla “separazione dei saperi”, per entrare sempre più nell’era della “specializzazione”, che però pretende di essere inglobata in una visione “olistica”, in realtà del tutto impropria perché delimitata entro una concezione materialistica della realtà e dell’esistenza.

Questa era di “competentismo” è caratterizzata, con tutta evidenza, dalla parallela e “necessaria” “atrofizzazione” della capacità del pensiero di tracciare un disegno globale della realtà e della “volontà” insita in essa, se non in senso materialistico: un’effettiva incapacità autoindotta di comprendere il quadro generale della realtà stessa e della vita per spiegarne le fondamenta, la vera essenza, l’origine dell’universo e il rapporto di “pensiero” e “logos” con tutto il resto.

La “profondità” del passato, che spesso si elevava a grandi altezze, si è tramutata in senso fisico, letterale: profondità nella materia e nel tessuto del creato.

L’uomo pensante si è così impegnato ad aggiungere veli su veli: dalla psicologia alla sociologia, dall’economia alla finanza, dalle neuroscienze alla fisica quantistica, tutti pronti a descrivere i mega meccanismi sistemici di cui l’uomo sarebbe in qualche modo un ingranaggio, perciò impossibilitato a far qualcosa che non sia una sostanziale accettazione di questi “veli”.

Ovviamente, la prima questione destinata a soccombere in tutto ciò è stata la speranza, condizione sulla quale si potrebbero riannodare i fili dell’essere e del logos, anche se, ovviamente, qualsiasi tentativo in tal senso corre come sempre il rischio di rivelarsi meccanismo di potere.

La speranza in un perdono divino a patto di riuscire in qualche modo a non farsi deviare dalla necessaria devozione era ormai inattuale?

Allora niente speranza!

Per gli “uomini pensanti” l’uomo è così diventato, definitivamente, un ente totalmente materiale, un essere “materializzato” che farebbe parte di una realtà più grande di lui, destinato a scatenare forze e meccanismi che lo soverchiano e sulle quali gli intellettuali possono giocare all’infinito, chi più emotivamente, chi più “razionalmente”, comunque proni a sottoscrivere la resa dell’uomo ad una realtà considerata, definitivamente, “più grande” e inaccessibile per l’uomo stesso.

Tutto ciò nella totale dimenticanza, o non considerazione, che l’uomo è in effetti, “semplicemente” e al contrario di quanto siamo sempre più portati a pensare, l’unico ente che pensa, misura e modifica la realtà stessa.

Perdiamo quindi l’idea che è l’uomo a far tutto, in quanto essere fondamentalmente spirituale calato in modo sempre più “scoordinato” nell’universo materiale, e finiamo per pensare di non essere altro che un “prodotto” della realtà.

Perdiamo anche un’altra idea, descritta storicamente in vari modi, quella che considera come in effetti l’uomo stia da sempre cercando di ritrovare la “coordinazione” con la realtà, come primo passo per il recupero del logos e del destino.

Perdiamo e neghiamo questa ricerca di senso pensando e addirittura facendo di tutto per impedirci intellettualmente e spiritualmente di sapere realmente qualcosa in merito alla dualità fra spirito e materia, negandola, smarrendo così l’idea che potremmo ancora, in un attimo, riprendere in mano le fila della storia e di tutto il resto.

E così perdiamo tutti.

Da questo punto di vista, e al contrario di ciò che si potrebbe pensare guardando alla bomba atomica, in effetti non abbiamo perso il controllo di una potenza che abbiamo scatenato ma, ancor prima, abbiamo perso il controllo della responsabilità, un’attitudine SOLO umana, spirituale e personale, una predilezione che collettivamente diventa politica.

Abbacinati dalla nostra stessa “tecnica”, abbiamo così imparato che è difficile, se non impossibile “centellinarla”, dato che viviamo in un universo materiale e proprio la tecnica sembra il modo più comodo per “giocare” con la realtà.

Quindi, mentre l’uomo si “trastulla” con la tecnica non riesce più a considerare che tale impegno potrebbe significare, in effetti, una ricerca di senso, un tentativo di ritorno, più o meno inconscio, alla condizione primaria come esseri spirituali che hanno creato l’universo, prima di finire nella dimenticanza a furia di incarnarsi nei corpi.

Questa profonda immersione nella materia e nella tecnica ha fatto sì che la cultura dell’uomo non andasse eticamente di pari passo con la tecnica stessa, e questo gap è stato accentuato ovviamente dal potere, altra dimensione che l’uomo non è riuscito a sottomettere all’etica, ma che ha di fatto regalato alla sua suprema mistificazione: la tecnocrazia.

Ad onor del vero l’uomo avrebbe anche sviluppato procedure, istituzioni e principi capaci di dargli quella sicurezza e quella tranquillità in grado di farlo vivere in pace, in modo di poter ritornare all’essere spirituale con una nuova sapienza: prima il diritto, poi lo stato di diritto con le sue istituzioni, la separazione dei poteri, il suffragio universale e la rappresentanza democratica, poi i diritti umani e le costituzioni repubblicane rappresentano proprio quei tentativi di vero progresso, che oggi stiamo “dimenticando” perché disinformati, fiaccati e distratti, anche e soprattutto grazie a quella tecnica che oligarchie e corporazioni globali detengono e controllano.

Se non riusciremo a risollevarci prima politicamente, poi eticamente, poi spiritualmente, saremo condannati all’oblio del nostro essere trasmutato in transumano e ancor più aggrovigliato nei meandri della materia, che scambierà sempre più inavvedutamente per le altezze dello spirito.
(AI free)

4 settembre 2023
fonte immagine: Wikimedia Commons

In questo articolo raccolgo varie riflessioni brevi in ordine alla coscienza, alla conoscenza e alla trascendenza.
Qui un manifesto etico-politico di resistenza a transumanesimo e tecnocrazia.
Qui una riflessione su mente e IA.
Qui analizzo un aspetto politico-culturale in ordine alla tecnica, che impedisce una politica alternativa.
In questo articolo una riflessione scaturita da un video del filosofo Cacciari.
Qui ancora una riflessione sul rapporto uomo-tecnica.

Lascia un commento